Internet delle cose aziende: come funziona la tecnologia

Internet delle cose aziende

Grazie a Internet delle cose aziende si avranno grandi benefici

Internet delle cose è un neologismo molto diffuso con il quale si definisce la crescente integrazione dei manufatti prodotti dalle imprese all’interno del mondo della comunicazione digitale. Una semplice lampadina, una radiosveglia, un termostato o un container per le merci possono tutti diventare oggetti intelligenti ed entrare a far parte di internet delle cose aziende, il che significa che saranno dotati di sensori che consentiranno loro di raccogliere, elaborare e trasferire autonomamente una vasta gamma di informazioni su di sé e sul mondo circostante. Internet delle cose riguarda quindi l’evoluzione dei prodotti delle aziende in veri e propri dispositivi intelligenti interconnessi, un processo già in atto che sta letteralmente ridisegnando le imprese e la concorrenza costringendo molte realtà aziendali ad adeguarsi al contesto pur di intraprendere un duraturo percorso di crescita. Quando si parla di Internet delle cose si parla quindi di oggetti che acquisiscono capacità aggiuntive rispetto a quelle per le quali sono stati progettati, come appunto la possibilità di trasmettere informazioni in completa autonomia.

La funzione degli oggetti intelligenti in Internet delle cose aziende

Gli oggetti intelligenti che compongono la complessa rete di internet delle cose consentiranno di gestire enormi quantità di dati e di creare opportunità crescenti per le piccole e medie imprese che avranno l’intraprendenza di seguire percorsi di digital trasformation così da ridefinire il rapporto tra le diverse aree del business. Internet delle cose è quindi un concetto con il quale si indica una famiglia di tecnologie che hanno la finalità di trasformare ogni oggetto, anche quelli senza vocazione digitale, un vero e proprio dispositivo collegato a internet e capace di godere delle caratteristiche tipiche degli oggetti nati per utilizzare il web. Le due principali proprietà che devono avere gli oggetti intelligenti di internet delle cose sono il monitoraggio e il controllo. Il monitoraggio ad esempio significa che gli oggetti intelligenti saranno in grado di raccogliere informazioni su di sé e sull’ambiente circostante. Il controllo invece significa che gli oggetti intelligenti che fanno parte di internet delle cose aziende potranno essere comandati a distanza senza l’utilizzo di tecnologie particolari ma semplicemente utilizzando il web.

Internet delle cose aziende e i servizi per le aziende

Attualmente i settori che sono più interessati da internet delle cose sono la domotica, le smart cities ma nei prossimi anni il numero degli oggetti intelligenti sembra essere destinato ad aumentare esponenzialmente. L’obiettivo degli oggetti connessi che fanno parte di internet delle cose è quello di semplificare la vita automatizzando processi e mettendo a disposizione tutta una serie di informazioni che in precedenza sarebbero state inutilizzate. Un esempio concreto delle possibili applicazioni di internet delle cose nella vita di tutti i giorni è la strada intelligente o smart road, una strada dotata di sensori che permetterà di raccogliere dati in tempo reale su traffico e inquinamento così da abbattere i tempi di percorrenza. Oppure si pensi ai termostati intelligenti di internet delle cose aziende che saranno in grado di imparare orari ed esigenze e di scegliere la temperatura adatta per ogni momento così da risparmiare energia. Basti pensare che, a oggi, ci sono già 5 miliardi di oggetti connessi a internet delle cose e il loro numero potrebbe moltiplicarsi.